ATTENZIONE

QUESTO BLOG È UN ARCHIVIO CHE RACCOGLIE I POST ANTERIORI AL 2014. IL NUOVO BLOG LO TROVATE QUI.

domenica 20 marzo 2011

L'ho finito



Ci sono tanti motivi per cui lo consiglio.
Iniziamo col dire che è un libro scritto molto più che bene (si, non l'ho letto in lingua originale e bla bla bla), probabilmente unico, difficilmente riconducibile ad un solo genere (e probabilmente anche a più generi). Credo anche che ci siano delle pagine così fondamentali per la storia della letteratura contemporanea che chiunque voglia fare qualcosa nella vita che abbia attinenza con la letteratura deve leggere necessariamente. E' un libro che riassume i dubbi, le dipendenze e le voglie della cultura occidentale. Credo che non sia un libro che parli solo agli states, ma a tutti quelli che hanno a che fare con la pubblicità, l'intrattenimento, le droghe, lo sport, la cultura della vittoria.

Non scriverò della trama, non molto almeno, perché è così complicata (attenzione non davvero complicata, meglio intricata) che ci vorrebbero un centinaio di pagine per poterne scrivere seriamente e soprattutto per poterne trarre di conseguenza delle riflessioni adeguate. Questo è un post che forse può risolvere il dubbio - lo leggo o non lo leggo? - e niente più.

La trama potete leggerla qui.

(Per chi non sapesse di che stiamo parlando, qui trova le puntate precedenti)

E' di sicuro il capolavoro di Wallace. Così immenso da divorare letteralmente La scopa del sistema (che resta un grandissimo romanzo), riassume probabilmente anche quei temi che Wallace tratterà dopo aver scritto Infinite Jest. Molte pagine, interi blocchi molto lunghi, sono perfetti alla maniera di Caro vecchio Neon, o dei più riusciti racconti di Oblio. Le note, solo qualche volta fastidiose, regalano in più di un'occasione le pagine più belle del romanzo.

Va letto anche perché nel caso in cui credeste di avere uno stile particolare nella scrittura, nel caso in cui credeste di avere un'ottima inventiva, di essere originali, Infinite Jest vi assicura un bel bagno d'umiltà. Wallace mi ha sempre dato l'impressione, e in un romanzo così corposo quest'impressione è diventata certezza, di voler comunicare a tutti i costi con il lettore. Non ho mai avuto l'impressione che brani complicati dei suoi racconti o romanzi fossero volutamente complicati, narcisisticamente complessi: credo che Wallace abbia fatto di tutto per essere chiaro.
Ed il terrore dell'incapacità di comunicare, il terrore per i problemi che la comunicazione porta con se, sono introdotti con chiarezza fin dalle prime pagine. Non ascoltate chi dice che sia un libro impossibile da leggere: ha riferimenti colti, una scrittura spesso molto profonda, alle volte non si posseggono le chiavi di lettura e si fa un po' di fatica, ma c'è sempre qualcosa che riesce a trascinarti e a convincerti ad andare avanti.

Ho sottolineato moltissimi brani. Questo è uno di quelli che preferisco:

Mario si era innamorato di Madame Psychosis fin dai primi programmi perché gli sembrava di ascoltare una persona triste che leggeva a voce alta le lettere ingiallite che aveva tirato fuori da una scatola da scarpe durante un pomeriggio piovoso, roba di cuori spezzati e gente amata che muore e dolore americano, roba vera. E' sempre più difficile trovare arte che riguardi le cose vere. Più passano gli anni e più diventa difficile per Mario capire come mai tutti quelli che all'Eta sono più grandi di Ken Blott si trovano a disagio e si sentono imbarazzati di fronte alle cose vere. E' come se esistesse una regola per cui le cose vere possono essere nominate solo se si roteano gli occhi e si ride come scemi. La cosa più terribile che gli è successa oggi è stata a pranzo quando Michael Pemulis ha detto a Mario che gli era venuto in mente di mettere su un numero di telefono per atei e far sì che, quando un ateo fa il numero, il telefono continua a squillare e nessuno risponde.

Vi segnalo questo post, perché dice molte cose che avrei voluto scrivere. Non smetterò mai di dire che la morte di David Foster Wallace per i suoi lettori è un fatto così privato, così sentito, che è capace di rovinare letteralmente intere giornate. E no, non è la stessa cosa per tutti gli artisti o le persone volgarmente famose che finiscono per morire tragicamente, perché la maggior parte di loro non ha mai mai creato niente del genere.

Spesso succede che dopo aver letto libri mastodontici ci si senta pieni. Ma come ci si comporta quando un libro mastodontico ti lascia svuotato, privato di qualcosa?

-.-.-.-.-

David Foster Wallace - Infinite Jest, Einaudi

1 commento:

  1. Thank you for sharing the info. I found the details very helpful.

    cheap clomid

    RispondiElimina